I DONATORI DI SANGUE FIDAS SCENDONO IN PIAZZA PER LA LORO GIORNATA NAZIONALE

Il 28 novembre si svolgerà la 1° Giornata nazionale FIDAS, come deliberato dall’Assemblea nazionale FIDAS, svoltasi a Fiera di Primiero - Feltre in occasione del 49° Congresso nazionale.

Scopo dell’evento è quello di esprimere con entusiasmo ed orgoglio l’appartenenza alla Federazione nazionale, nonché per conseguire insieme una sempre maggiore visibilità attraverso i mezzi di comunicazione.
Anche la federata pordenonese, l’AFDS Pordenone(Associazione Friulana Donatori Sangue)ha deciso di aderire a questa importante iniziativa con uno stand “futuristico” allestito in piazzetta Cavour a Pordenone. A partire dalle 13.00 e fino al tardo pomeriggio i volontari associativi (in particolare “il Gruppo Giovani Donatori FIDAS”) e non, saranno coinvolti in una serie di attività, tra cui alcuni momenti informativi presso lo stand e lo scambio di pensieri e proposte presso una specifica “bacheca del dono” su cui chiunque potrà lasciare il proprio contributo scritto su appositi cartoncini.
Come in tutto il resto d’Italia nel corso della Giornata sarà inoltre organizzato un “Flash Mob” a cui potranno partecipare tutti i presenti. Il senso di questa iniziativa è legato alla domanda "Cosa succederebbe se noi donatori ci fermassimo nella nostra opera di solidarietà?". La risposta è che non sarebbe più possibile effettuare le 9500 trasfusioni che vengono praticate, ogni giorno, negli ospedali italiani, negando una possibilità di cura a migliaia di pazienti. Fermarsi, quindi, proprio per stimolare questa riflessione. Secondo un’indagine CENSIS, infatti, i donatori di sangue sono destinati a ridursi di centomila unità nel prossimo decennio, soprattutto nella fascia d’età fra i 18 ed i 55 anni, da qui la necessità di attrarre nel mondo della donazione il maggior numero possibile di giovani.
La Fidas è una federazione nazionale che agisce nell'interesse delle associazioni federate (circa 70 in Italia per un totale di oltre 600.000 donatori), rispettando le singole autonomie amministrative e gestionali, cura il coordinamento a livello nazionale e garantisce un apporto qualificato ad ogni iniziativa socio-politica ed umana, che impegna il volontariato italiano del sangue. Partecipa, si aggiorna ed informa sulle novità legislative, scientifiche e sanitarie, che riguardano i donatori ed il servizio trasfusionale.
L’AFDS Pordenone, storica realtà associativa della destra Tagliamento è un’associazione federata FIDAS dalla sua nascita. Oggi l’AFDS conta circa 8.000 donatori con un madia di circa 8.500 donazioni di sangue o emocomponenti all’anno.
Lo scopo con cui è nata l’AFDS è la diffusione, nella provincia di Pordenone, di una profonda conoscenza e coscienza delle necessità e delle problematiche trasfusionali, in modo che ogni cittadino senta il dovere umano e civile di donare, almeno una volta all’anno, il proprio sangue.

Per accrescere il numero dei donatori (di sangue, organi e midollo osseo) è necessario accrescere la cultura della donazione e questo è possibile solo attraverso una capillare opera di sensibilizzazione ed informazione.
Nell’ambito delle proprie finalità l’AFDS svolge inoltre un’attività di educazione sanitaria e culturale a favore dei donatori e della popolazione.
Appuntamento quindi domenica 28 in piazzetta Cavour a Pordenone a partire dalle 13.00.