Nella capitale per l’annuale corso di formazione FIDAS

Sabato 24 e domenica 25 gennaio si è tenuto a Roma, presso la sede nazionale della Fidas, l’annuale corso di formazione per i dirigenti associativi.

All’arrivo, i quaranta partecipanti, provenienti da tutta Italia, sono stati accolti dal Presidente Nazionale Dott. Aldo Ozino Caligaris, che ha illustrato i lavori e i temi da trattare nelle due giornate. Attuali gli argomenti e le problematiche esposti dalla Prof.ssa Gabriella. Girelli, Presidente del Comitato Medico Scientifico della Fidas, nella tavola rotonda: >"Terminologia medica comunemente usata in ambito donazionale", dove si è parlato anche di criteri di selezione, di idoneità, di stili di vita dei donatori e del senso di responsabilità che questi devono assumere per il gesto che stanno compiendo.

Il Segretario Amministrativo, Dott. Giuseppe Caniglia, ha affrontato gli obblighi che la legge 675/95, più conosciuta come legge sulla privacy, impone alle Associazioni di Volontariato, i comportamenti che Presidenti, Segretari e Tesorieri delle Federate devono avere, i loro compiti e le modalità di tenute, controllo, riservatezza e sicurezza dei registri degli elenchi dei soci e di tutti quei "dati sensibili" a loro riconducibili (i dati sensibili sono quelli individuati dalla legge come atti a rilevare uno stato generale di salute, l’adesione ad un sindacato e/o movimento politico, la titolarità di cariche pubbliche elettive, le convinzioni religiose è n.d.r.). Tutto questo alla luce delle novità normative in materia dopo l’entrata in vigore, dal 1 gennaio 2004, del nuovo Codice sulla privacy (D.lgs n. 196/2003), che a tutti gli effetti sostituisce la legge n. 675/1996.

Una gradita sorpresa è stato l’arrivo, nel pomeriggio di sabato, del regista siciliano Giuseppe Tornatore, premio Oscar nel 1989 con il film "Nuovo Cinema Paradiso". Un maestro e poeta delle immagini, il quale si è volentieri prestato a rispondere alle tante domande dei presenti sui mezzi di comunicazione, come la televisione e la fotografia, e sugli strumenti utili, da questi offerti, per meglio trasmettere il messaggio della donazione.

L’argomento affrontato dal Consigliere Nazionale Fidas, Salvatore D’Orta, ha riguardato i rapporti che possono nascere, anche grazie alla normativa vigente in materia, tra "Servizio Civile Nazionale e Volontariato".

Nella mattinata di domenica, dopo la celebrazione, per chi lo desiderava, della Santa Messa, si è parlato di "Motivazioni e comunicazione nella donazione del sangue" con la Dott.ssa Maria Assunta Consorti, Responsabile del Servizio di Psicologia Clinica dell’Ospedale "San Giovanni Calibita" Fatebenefratelli di Roma. A seguire, "Caratteristiche umane dei dirigenti di Associazioni di volontariato ed efficacia della loro azione" con Padre Salvatore Lo Bue, già Docente di Sociologia Generale presso la Pontificia Università "San Tommaso" di Roma. Padre Lo Bue ha portato anche la sua esperienza umana di sacerdote che opera nel sociale ed in particolare nel recupero dei tossicodipendenti.

Per l’Afds di Pordenone hanno partecipato alla due-giorni romana il Vice Presidente Mauro Strasorier ed il Consigliere Antonio Piffaretti; per la nostra regione erano presenti anche le federate di Gorizia, Monfalcone ed Udine.

Concludendo, non possiamo mancare di rivolgere i complimenti alla Fidas Nazionale per la buona organizzazione di questi incontri e per l’attualità dei temi trattati.