VACCINAZIONE ANTI-INFLUENZALE A(H1N1) NEI DONATORI DI SANGUE

Nuovo appello del Centro Nazionale Sangue per incrementare il numero dei donatori di sangue periodici posti al riparo dal rischio di contagio

In una recente nota il Centro Nazionale Sangue, prendendo spunto dalla pubblicazione di una nuova Ordinanza del Ministero della Salute diretta a fronteggiare l’impatto negativo dell’influenza A sulle scorte di emocomponenti , rileva come, sulla base dei rilievi effettuati a livello nazionale, la risposta dei donatori di sangue alla campagna di vaccinazione non sia stata delle migliori.
Infatti la vaccinazione, avviata in tutte le regioni, copre mediamente il 15% del personale socio-sanitario, l’11% delle donne in gravidanza, l’11% delle persone tra 6 mesi e 65 anni con condizioni di rischio. Per contro nei 689.411 donatori di sangue periodici vaccinabili, la copertura media non raggiunge lo 0,73%.
Pur in presenza di un calo delle sindromi influenzali in Italia, si sottolinea che i rapporti epidemiologici continuano a denunciare un aumento della circolazione del virus nella maggior parte dei paesi europei.
Quindi, non potendo escludere la possibilità di una seconda ondata epidemica, al fine di prevenire possibili carenze di emocomponenti viene fortemente sostenuta e caldeggiata l’opportunità, offerta ai donatori periodici, di aderire alla campagna di vaccinazione.
I donatori di sangue periodici che desiderano sottoporsi gratuitamente alla vaccinazione nella provincia di Pordenone, possono prendere appuntamento presso il Dipartimento di Prevenzione dell’ASS6, telefonando al numero dedicato: 0434/369700.