Sezione di Sacile

  • Presidente: Quirino Messina
  • Indirizzo: Via Ettoreo, 4 33077 - SACILE (PN)
  • Telefono: 331 2222129
  • Email: sezione.sacile@afdspn.it
  • Orario: Dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 19.00
  • Centro di riferimento: Sacile

Notizie

Informazioni sulla sezione

CENNI STORICI

La  sezione dei donatori di sangue di Sacile nacque  nell’ottobre del 1956 come associazione aderente all’AVIS (associazione volontari italiana sangue) nel corso di una manifestazione  culturale promossa dalla Pro Sacile a Palazzo Biglia. Il primo consiglio fu costituito da: Angelo Gregolin (commissario), Mario Corubolo (segretario), Elda Aviano Bagattin , Romualdo Callegher, Arturo Camilotti, Liliana Chiaradia, Antonio Colomberotto, Domenico Dal Bò, Emma Jacquemond Berlese, Luigino Merluzzi, Pietro Merluzzi, Ernesto (Nino) Riva, Anna Maria Sacilotto, Rosalina Sacilotto, Egidio Spagnol, Pilar Valderrama Corubolo (15 soci fondatori).

Nel maggio 1957, dopo la convocazione della prima assemblea con l’elezione del consiglio direttivo, prese forma ufficiale la sezione dei donatori di sangue di Sacile e, di conseguenza, cessava il patrocinio della Pro Sacile. La neo associazione, che aderiva all’AVIS friulana, presieduta dal cav. Giovanni Faleschini, risultava composta da: dott. Angelo Gregolin (presidente), Mario Corubolo (vice-presidente e segretario), Ernesto Riva (rappresentante dei donatori), Antonio Colomberotto, Giuseppe Pilla, Franco Bet e Romualdo Callegher (consiglieri); fu eletto presidente onorario per acclamazione il dott. Eugenio Rebustello.

Il 22 febbraio del 1959 la sezione di Sacile entrò a far parte della nuova associazione  AFDS (Associazione Friulana Donatori di Sangue), costituitasi l’anno precedente a Udine “in seguito a contrasti con gli organi centrali dell’AVIS per ragioni organizzative e per diversità di orientamenti”, come spiegò successivamente il cav. Giovanni Faleschini. Il 25 aprile dello stesso anno (1959) venne convocata l’assemblea straordinaria per sancire il definitivo passaggio e, di conseguenza, eleggere il nuovo direttivo in conformità alle norme dello statuto dell’AFDS, 118 erano i soci iscritti alla Sezione di Sacile. Il dott. Angelo Gregolin fu sostituito dal dott. Giovanni Tonello, che rimase in carica come presidente fino al 1979. Il nuovo consiglio direttivo era composto da: Giovanni Tonello (presidente), Mario Corubolo (vice-presidente), Ernesto Riva (rappresentante dei donatori), Piero Sartori (segretario), Enea Carniello, Antonio Colomberotto, Elda Aviano (consiglieri), Ferruccio Biasutti, Vincenzo Pegolo, Giacomo Modolo e Angelo Scalon (revisori sindaci).

Da allora (1959) la sezione di Sacile é parte integrante della FEDERAZIONE ITALIANA DONATORI DI SANGUE (FIDAS), consociazione nazionale nata in quell’anno per volontà dell’Associazione Friulana Donatori di Sangue e di altre associazioni del Piemonte e della Liguria.

Dalla nostra Sezione nacquero nove sezioni AFDS, in ordine di tempo: Brugnera (1960), Caneva (1963), Tamai di Brugnera (1965), Dardago (1967), Budoia-S.Lucia (1969),  Polcenigo (1970), Nave di Fontanafredda (1971), San Odorico (1975) e San Michele (1979).

Il dott. Giovanni Tonello e il sig. Mario Corubolo furono tra i più fervidi sostenitori ed i massimi artefici della nostra Sezione, persone alle quali la città di Sacile deve riconoscenza incondizionata per l’impegno profuso.  Nel 1979 subentrò al dott. Giovanni Tonello il sig. Luciano Basso che restò in carica fino al 2005, anno della sua scomparsa.

Luciano Basso…”una vita dedicata al dono del sangue”,  un professionista del volontariato; la sua militanza tra i donatori risale al 23 dicembre del 1956, operando sempre in maniera continua e generosa per la crescita della nostra Sezione fino all’ultimo. Suo vice presidente dal 1983 in poi fu Cesarino Santinato, personaggio di spicco della nostra Sezione, ponte tra il passato ed il presente. Egli, dopo la scomparsa di Luciano Basso, si prese cura della nostra Sezione e fu il propugnatore del nuovo consiglio direttivo.

Nel settembre del 2005 il nuovo Consiglio Direttivo della Sezione era rappresentato da: Quirino Messina (presidente), Cesarino Santinato (vice-presidente), Giuseppe Fogli (segretario), Gianluigi Fratin (rappresentante dei donatori),  Anna Maria Sacilotto, Carlo De Conto, Narciso  Cerato, Pietro Palù, Deana Peruch, Katia Dorigo, Marilena Cordazzo, Luigi Fratin (consiglieri), Giobatta Zanette (alfiere), Luciano Bertiglia, Bruno Furlan, Bruno Memori e Alessando Zava (revisori). Nell’ottobre 2006 si organizzò il congresso provinciale in occasione del 50° anniversario della Sezione, grazie all’aiuto del presidente provinciale dell’AFDS Paolo Anselmi e del  vice-presidente Ivo Baita. La Sezione di Sacile aveva 547 soci iscritti, di cui 315 attivi e 237 a riposo. L’anniversario fu caratterizzato dalla pubblicazione del libro “Cinquant’anni per la vita. 1956-2006” (DARIO DE BASTIANI EDITORE), libro non solo commemorativo-celebrativo ma anche scientifico, concepito e partorito dalla preziosa collaborazione tra lo storico sacilese Nino Roman e il dott. Quirino Messina. A ricordo del 50° anniversario fu regalata a tutti i donatori della Sezione una targa in argento con un disegno in bassorilievo del prof. Mario Della Libera.

Nell’agosto 2011 il cav. Cesarino Santinato  ci lasciò …orfani, il suo posto di vice-presidente  venne preso da Carlo De Conto. Nell’ottobre dello stesso anno si celebrarono i 55 anni della Sezione; il numero dei soci in totale era 457, di cui 392 donatori effettivi e 65 a riposo. Nel 2012 si superò il tetto delle 500 donazioni, arrivammo a 509. Nel 2011 e nel 2014 la nostra Sezione organizzò con la sede provinciale AFDS due  convegni medico-divulgativi, il primo a Pordenone, il secondo a Sacile: “La donazione di sangue. Prevenzione e sicurezza: un problema sempre attuale” con la partecipazione dei vertici della nostra associazione e di medici specialisti.

In data 07 luglio 2014 si svolse a Sacile la manifestazione “FIDAS ON THE ROAD: la solidarietà si fa strada”,  progetto della FIDAS (Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue) nazionale, patrocinato dal Ministero della Salute, organizzata dall’AFDS di Pordenone e di Sacile con l’intervento del Sindaco, del Comandante della Polizia Locale e dell’Ispettore Capo della Polizia Stradale di Pordenone.  

Il progetto si prefiggeva di promuovere la donazione di sangue legandola al tema della sicurezza stradale; infatti il dr. Aldo Ozìno Caligaris, presidente nazionale FIDAS, sottolineò nel suo intervento conclusivo “come un corretto stile di vita riduca sensibilmente il numero degli incidenti stradali, ricordando che prevenire é meglio che punire”.

Oltre alle suddette manifestazioni, la nostra Sezione, soprattutto nell’ultimo decennio, si é contraddistinta per aver organizzato altri importanti eventi in ambito sia culturale, sia medico-scientifico e sia sportivo, tutte miranti alla sensibilizzazione del dono del sangue.

Nel febbraio 2015 si  elesse il nuovo consiglio direttivo, che resterà in carica fino al 2018.

L’attuale consiglio (agosto 2016) é costituito da: Quirino Messina (presidente), Licio Dettori (vice-presidente), Fiorella Mariotto (rappresentante dei donatori), Pasquale Manzi (segretario), Caterina Benedetti, Paolo Feltrin, Lilio Franco, Mario Piai, Edoardo Zaia (consiglieri), Carlo De Conto,  Lino Gava e Alessandro Zava (revisori dei conti), Francesco Lion (alfiere).

Dal 2006 ad oggi la nostra Sezione ha intensificato i rapporti di relazione sia con la Sezione AFDS di San Michele (presidente Giuseppe Stabile), sia con l’AFDS di S. Odorico (presidente Lucio Ceolin), nell’ottica comune di un programma di sensibilizzazione al dono. Un’altra nota positiva é rappresentata dalla decennale collaborazione con l’ADO (Associazione Donatori di Organo) di Sacile, che ha come presidente la signora Lucia Acerboni; ricordiamo solo nell’anno in corso la mostra filatelica con annullo postale in maggio ed il concerto per il dono in settembre.

In occasione del 60° anniversario lo scultore sacilese Alberto Pasqual ha regalato alla Sezione una scultura che ha chiamato “mans furlanis”, inerente la donazione di sangue, che sarà collocata  in uno posto di rilievo della nostra città, nel retro abside del Duomo di S. Nicolò. Il prof. Mario Della Libera, artista poliedrico sacilese, come fece anche per il 50° anniversario, ci ha regalato un suo disegno che rappresenta la donazione di sangue ormai senza confini e barriere, da cui sono state realizzate delle medaglie commemorative.

La scultura e le medaglie sono state fuse in bronzo nella Fonderia Artistica Stefan di Carbonera di Treviso; un grazie a Fabio e Sidelio Stefan che le hanno realizzate con grande maestria e a tutti quelli che ci hanno aiutato con il loro generoso contributo.

Una citazione di merito per il nostro presidente provinciale Ivo Baita, per il segretario-tesoriere, past-president, Paolo Anselmi ed infine, ma non per questo meno importante, per il nostro Sindaco Roberto Ceraolo, che ci hanno sempre sostenuto nella campagna di sensibilizzazione al dono.

Attualmente la nostra Sezione conta 702 soci, di cui circa 320 donatori periodici, 160 disponibili alla donazione, 35 sospesi per varie motivazioni e 187 a riposo per raggiunti limiti di età………………e la storia continua……………….