“Giornata del Donatore” bagnata, sezione fortunata

46° Giornata del Donatore ad Aurava

P1030747_pp.JPG

Non sono state le condizioni meteo la parte migliore della 46° “Giornata del Donatore” della sezione di San Giorgio della Richinvelda, andata in scena domenica 31 maggio nella frazione di Aurava. Nonostante Giove pluvio, la collaborazione con il locale Circolo Culturale Ricreativo ha permesso agli astanti di passare una piacevole giornata caratterizzata dapprima dalla Santa Messa con successiva deposizione di un ricordo floreale al monumento dei caduti.
I discorsi di rito hanno visto succedersi il sindaco del comune di San Giorgio della Richinvelda Anna Maria Papais, la rappresentante del consiglio provinciale Michela Truant e, dulcis in fundo il presidente ospitante Ivan Orlando che, alla sua prima “Giornata del Donatore”, ha voluto ricordare i presidenti che l’anno preceduto e in particolare Florenzio Baldo al quale l’intero Consiglio Direttivo ha voluto consegnare una targa in onore dei 15 anni di mandato caratterizzati da un costante aumento dei Donatori e delle donazioni. Tale trend sta tuttora proseguendo visto i dati dell’anno precedente, come i 164 Donatori attivi, i 293 soci, i 15 nuovi Donatori e le 262 donazioni effettuate; il costante lavoro sul territorio sta continuando a dare ottimi frutti anche durante l’anno in corso. Conclusione delle cerimonie con un saluto alla ventina di consorelle presenti e con la consegna di una targa ricordo al Circolo Culturale Ricreativo di Cosa che ha ospitato fino al 2008 nei propri locali, la sede della sezione.
La Giornata è proseguita presso la sede del CCR di Aurava con il tradizionale pranzo sociale con la presenza di oltre 100 commensali.
Il Consiglio Direttivo della nostra sezione coglie l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno collaborato negli ultimi anni con l’associazione e in particolare i Donatori che con la loro generosità consentono di aiutare molte persone e di rendere la nostra regione autosufficiente per quanto concerne il bisogno di sangue.